Come scegliere dove andare in vacanza con un cane

Pettorina GoPro per cani

Ciao, io mi chiamo Mela e sono una purissima meticcia ed insieme al mio umano Marco siamo stati invitati da Mattia a raccontarvi come e dove poter andare in vacanza con un cane e lo ringraziamo moltissimo dell’ospitalità.

Io e il mio umano viaggiamo spesso insieme e muovendoci praticamente a 6 zampe in lungo e in largo per l’Europa ci siamo resi conto di tutte le difficoltà che i quadrupedi ed i loro miglior amici bipedi devono affrontare per riuscire a vivere il viaggio per quello che dovrebbe essere: un viaggio sereno.

spiagge cani italia

Negli ultimi quattro anni, da quando sono entrata nella sua vita, abbiamo fatto più di 10000 Km insieme: Italia, Spagna, Francia, Inghilterra, Svizzera e stiamo pianificando i nostri prossimi viaggi perché fare le vacanze con un cane rende tutto molto speciale, questo è sicuro e poi mi diverto come una matta ad esplorare e ad annusare posti nuovi.

Al mio papà è venuta l’idea di geolocalizzare le strutture, i mezzi di trasporto, quelle di soccorso, di accoglienza dove i cani siano realmente benvenuti per poi rendere queste informazioni gratuite e disponibili a tutti quelli che come noi non riescono a fare a meno l’una dell’altro. Per questo motivo è nato Trip For Dog, la guida turistica a 4 zampe. Un portale dove è possibile ricercare le spiagge per cani, i musei dove possiamo entrare, i camping dove siamo accettati, i traghetti dove siamo ammessi e tante altre categorie come i veterinari che lontano da casa non si sa mai e raccontando in giro questa nostra filosofia tante persone, associazioni e aziende hanno iniziato a darci una zampa mettendo a disposizione i loro elenchi in maniera tale da facilitare ancora di più il processo di ricerca e prenotazione dei soli posti dog friendly. Certo è tutto un “work in progress”, infatti ci hanno appena aiutato a geo localizzare quasi 8000 fontanelle e piano piano le inseriremo tutte che sono utilissime per rifocillarci quando siamo in giro a sgambettare.

guida vacanza cane

Per fortuna abbiamo fatto tante amicizie sparse qua e là che sono state tutte fondamentali perché hanno iniziato a segnalarci i luoghi che conoscevano e che noi mano a mano abbiamo inserito e stiamo ancora inserendo, ora siamo un branco di 40000 quadrupedi viaggiatori.

Il nostro consiglio principale è di pianificare il viaggio con un discreto anticipo in maniera da capire bene come organizzarsi la trasferta ed il soggiorno, farsi un viaggione in treno e in nave per arrivare ad esempio a Barcellona e scoprire che sui mezzi di trasporto noi non possiamo salire beh vi assicuro che è una grossa delusione oltre che una gigantesca seccatura… da quest’anno per fortuna almeno ci fanno usare la metropolitana ma solo a determinati orari, di sicuro se pesate più di 10 Kg (inclusa la gabbia perché in Spagna funziona così) scordatevi di poter utilizzare il treno: è vietato l’accesso e figuriamoci gli autobus di linea,  tocca affittare un’ automobile per spostarvi altrove.

Così come se decidete, per esempio, di fare un weekend a Firenze, città con la legge regionale che ci permette di entrare praticamente ovunque, e venire a scoprire di non poter prendere l’autobus se non sei di taglia piccola… quei controsensi tutti italiani ma siamo sicuri migliorerà.

In Italia per fortuna però, con un biglietto ridotto, possiamo utilizzare il treno per arrivare praticamente ovunque così come in Francia o in Inghilterra (che tra l’altro per noi sono gratuiti sia i treni che gli autobus). In Italia vi consigliamo di visitare Roma, Milano (EXPO escluso perché sono stati così geniali da vietarci l’ingresso) e Torino che sono davvero città metropolitane dog friendly e per le zone di villeggiatura il Trentino Alto-Adige, la Romagna e la Sardegna sono sicuramente le più attrezzate per noi animali.

Il mio kit standard da viaggio è davvero piccolo e leggero, anche perché come dice il mio umano: “Amore mio, ognuno si porta il suo” ed infatti io ho delle piccole bisacce dove mettiamo le mie ciotole pieghevoli da viaggio (una per il cibo e l’altra per l’acqua), il mio giochino preferito (uno) e le bustine per raccogliere le feci… lui però mi porta una bottiglia gigante d’acqua che serve sia per bere che bagnarmi la testolina ogni tanto, la mia pappa (nelle dosi previste per il viaggio calcolate bene), la mia pettorina k-way nel caso piova ed un piccolo kit di pronto soccorso… alla fine il mio “zainetto” non pesa niente però mi fa sentire utile e responsabile oltre che coinvolgermi nella divisione dei doveri, la roba pesante la porta lui e a me va bene così, lui è grande e grosso io no.

Vi auguriamo una vacanza magnifica ovunque andiate e mi raccomando non abbandonate il vostro il vostro umano, portatelo in vacanza con voi ora è facile e non avete più scuse…

Mela & Marco
www.tripfordog.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *